Napoli, la formazione migliore che può schierare Ancelotti

12 novembre 2018

Dalla sfida alla Juventus in serie A alla Champions League. Ecco la formazione titolare di Ancelotti, chiamato per il salto di qualità del Napoli

Il Napoli dice addio a Maurizio Sarri ma non intende rinunciare del tutto al suo gioco, fatto di passaggi e triangolazioni eseguite a memoria. L’arrivo di Ancelotti è il segno di una società che intende fare il salto di qualità, in serie A e in Champions League.

Il Napoli visto fino alla scorsa stagione era a tratti irruento, arrivando a scoprirsi eccessivamente pur di raggiungere il vantaggio. L’ex tecnico del Milan invece, portando la propria esperienza, proverà a mettere in atto un gioco bello e offensivo ma a tratti. La squadra dovrà essere in grado anche di attendere e soffrire, avendo di conseguenze alternative in quelle gare in cui sarà impossibile gestire la palla dal primo al novantesimo minuto.

Una sua caratteristica è quella di instaurare un buon rapporto con lo spogliatoio, dando chance a tutti i giocatori di mettersi in mostra e dare il proprio contributo. Detto questo però, è innegabile come il Napoli targato 2018-19 avrà una formazione titolare che tenderà a ripetersi costantemente:

Napoli (4-4-2): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Hamsik, Allan, Zielinski; Insigne, Callejon, Mertens.

Napoli, le riserve di Ancelotti

A differenza di Sarri, Ancelotti non sembra aver paura di rischiare con giovani e nuovi arrivati. Un modo per gestire al meglio le cosiddette riserve, in un’alternanza costante che consente ai panchinari di farsi trovare sempre pronti, quando chiamati in causa.

Considerando l’immediato infortunio di Meret, è Karnezis il primo sostituto di Ospina, anche se gli equilibri potrebbero cambiare dopo il ritorno del 21enne in rosa. In difesa inamovibili Albiol e Koulibaly, con Maksimovic primo sostituto dello spagnolo. Per quanto riguarda i terzini, come per i portieri, si aspetta il ritorno in campo di Ghoulam. Una volta recuperato pienamente l’algerino, Mario Rui diventerà il suo sostituto. Sul lato destro invece è Malcuit a insidiare Hysaj, con la sua velocità e facilità nel saltare l’avversario.

A centrocampo Zielinski troverà di certo maggior spazio, considerando il nuovo ruolo di Hamsik (arretrato, in posizione da regista). Il talento polacco dovrà però lottare con Fabian Ruiz, nuovo arrivato, per una maglia da titolare. In attacco Insigne e Callejon sono quasi inamovibili, con Verdi destinato a partire dalla panchina quasi per l’intera stagione, con Ounas che invece dovrà accontentarsi di un minutaggio decisamente inferiore.

Milik è infine decisamente recuperato ma tenere fuori Mertens sarebbe un sacrilegio. Il belga continua a mostrare uno stato psico-fisico invidiabile, con Ancelotti che potrebbe continuare a preferire il ‘falso nove’ alla prima punta di peso.

Napoli, le coppie del fantacalcio

L’acquisto in coppia è decisamente consigliato nel caso del Napoli. Ancelotti tende a fare molti cambi, senza dare punti di riferimento all’avversario. Le coppie sono inoltre quasi fisse, con qualche sporadico cambio inaspettato.

Consigliato l’acquisto di Maksimovic, che il tecnico sfrutta sia come alternativa ad Albiol che, a volte, come terzino destro, al posto di Hysaj. A centrocampo si scambieranno spesso la casacca da titolare Zielinski e Fabian Ruiz, entrambi con il vizio del gol ed ottimi dunque in quanto a conteggio dei bonus.

In attacco, seppur particolarmente difficile da acquistare in fase d’asta, il duo Insigne-Callejon è senza dubbio quello caldamente favorito. Ancelotti non farà mai a meno di entrambi.

TAG: