Milan, operazione inevitabile per Bonaventura: ecco quando è previsto il rientro

19 novembre 2018

Ennesimo infortunio in casa Milan: stavolta tocca a Bonaventura stare fuori a lungo, probabilmente fino alla prossima stagione.

Brutte notizie per il Milan. Giacomo “Jack” Bonaventura dovrà quasi certamente sottoporsi ad una operazione chirurgica. Le cattive sensazioni avute nei giorni scorsi stanno per tramutarsi in terribile realtà per il club rossonero e il giocatore. Il centrocampista continua ad essere alle prese con una infiammazione della cartilagine del ginocchio sinistro che nelle ultime settimane si è aggravata. All’operazione, che appare un’ipotesi difficilmente scongiurabile, l’atleta dovrà osservare un periodo di riabilitazione tra i 7 e gli 8 mesi. Una tegola per il Milan e per l’allenatore Gattuso: Bonaventura potrebbe infatti aver già concluso la propria stagione. Tra gli assenti di lungo corso figurano infatti già elementi importanti della rosa: i ko di Caldara e Musacchio hanno complicato le scelte in difesa, Conti non vede i campi di serie A. Situazione complicata anche per Lucas Biglia, i cui tempi di recupero impongono al Milan di intervenire durante il mercato invernale. L’infermeria sarà affollata ad inizio 2019, dal momento che, tranne Caldara e Conti, gli altri infortunati torneranno a 2019 inoltrato.

Bonaventura, l’operazione sembra inevitabile

Secondo quanto riferiscono le principali testate nazionali, le problematiche che affliggono da tempo ‘Jack’ al ginocchio sinistro non si possono superare senza operazione. Il guaio alla cartilagine di Bonaventura va trattato chirurgicamente e per risolvere il tutto in modo definitivo servirà andare sotto ai ferri. Si era provato ad attuare anche una teoria conservativa, che però non ha portato gli effetti sperati. Per lo staff medico del Milan quindi non c’è ora altra soluzione possibile, dal momento che il calciatore continua a sentire dolore e a non essere idoneo per la convocazione. L’intervento si svolgerà negli Stati Uniti, ormai manca soltanto l’ufficialità. L’ultima partita trascorsa in campo dal 29enne di San Severino Marche è coincisa con il derby dello scorso 21 ottobre vinto dall’Inter per 1-0.

Il giocatore è assente da un mese

L’ex atalantino si era reso protagonista di un buon inizio di stagione. Nelle 8 partite giocate, Bonaventura aveva infatti siglato 3 reti, salvo poi saltare le ultime partite disputate dal Milan. Con l’intervento invasivo il rientro sul rettangolo di gioco dovrebbe avvenire verso fine aprile od inizio maggio. Il tutto senza considerare eventuali complicazioni ed anche il necessario periodo per ritrovare la giusta condizione con una serie di allenamenti. E per il Milan questa è una notizia che non ci voleva, dal momento che in rosa nessun altro si avvicina per caratteristiche al numero 5 rossonero. Sembra certo quindi che la società interverrà con almeno un acquisto mirato nel prossimo mercato invernale di gennaio.

Milan, la soluzione all’emergenza: ripescare i dimenticati e comprare a gennaio

Nella sessione trasferimenti invernale si dovrebbe propendere sia per un profilo di qualità ‘alla Biglia’ che per uno più fisico e di potenza ‘alla Kessié’, allo scopo di garantire a Rino Gattuso la più vasta gamma di scelte possibili. In attesa che il calciomercato entri nel vivo, Gattuso dovrà attingere dalla panchina: Bakayoko sta giocando con maggiore continuità, Bertolacci, Montolivo e anche Josè Mauri potrebbero a breve essere rilanciati. Gli ultimi tre sono in scadenza di contratto, ma l’emergenza del centrocampo del Milan impone una rotazione degli uomini a disposizione. L’opzione Laxalt è l’ultima trovata tattica di Gattuso, ma non è escluso che uno dei “dimenticati” possa tornare protagonista durante i prossimi impegni

TAG: