Consigli fantacalcio: i portieri "saracinesca" del campionato

8 novembre 2018

L'andamento attuale dei portieri in Serie A: se figurano alcune piacevoli novità, fa da contraltare il momento non certo esaltante di qualche big

In Serie A più che in qualunque altro campionato del mondo la prima regola è non subire gol. E per farlo a volte la sola organizzazione difensiva non basta, per quanto possa essere metodica. Se tra i tuoi calciatori hai a disposizione a guardia dei pali un portiere capace di darti le giuste garanzie di affidabilità ed anche di più, tanto meglio. Una volta l’Italia era maestra in questo, con una scuola di estremi difensori tale da fare invidia al mondo. Da alcune stagioni invece le frontiere sono e restano spalancate, ed anche per questo si assiste ormai da tempo ed in larga parte alla presenza stabile in porta di numerosi elementi stranieri. Uno dei migliori in tal senso è Samir Handanovic dell’Inter: in maglia nerazzurra dal 2012, dove era già arrivato con una buona nomea di pararigori, l’ex Udinese e Lazio ha saputo sempre mantenere il posto da titolare a suon di grandi prestazioni, nonostante qualche basso in tempi più vicini a noi.

Portieri saracinesca, Handanovic ha più clean sheets

Lui è attualmente il portiere che può vantare più clean sheets stagionali, assieme – un po’ a sorpresa – al giovane Emil Audero della Sampdoria. Per entrambi si registrano 5 partite senza subire gol tra Serie A e Coppa Italia (quest’ultima competizione vale solo per il doriano, giunto in prestito dalla Juventus). A quota 4 gare con reti inviolate ci sono poi Thomas Strakosha della Lazio e pure qui una sorpresa: Alfred Gomis della SPAL. Anche loro, come Handanovic ed Audero, hanno giocato 10 partite in stagione. E fa seguito poi un nuovo ‘inatteso’, ovvero Orestis Karnezis. Il greco era stato criticato per l’età non più giovanissima e per alcune prestazioni negative nel precampionato del Napoli che lo avevano messo in cattiva luce. Ma l’alternanza con il diretto competitor David Ospina (in attesa di Alex Meret) pare stia facendo bene ad entrambi.

Il Napoli vive bene il dualismo Karnezis-Ospina

Karnezis ha tenuto immacolata la propria rete in 3 partite stagionali, proprio come lo stesso Ospina (con due gare in Champions per quest’ultimo). Sia l’ellenico che il colombiano stanno dando importanti segnali positivi a Carlo Ancelotti. Ci si attenderebbe un rendimento migliore invece da parte di Wojciech Szczesny: il titolare della Juventus capolista soltanto in 3 circostanze non ha subito gol, e si trova in compagnia di un drappello composto dai vari Olsen, Sepe, Consigli, Lafont, Cragno e Sirigu, oltre che dai due “napoletani”. Tra i più battuti troviamo invece Stefano Sorrentino del Chievo ultimo in classifica, nonostante l’esperto campano si sia resto protagonista di interventi importanti a volte, e Federico Marchetti, del cui rendimento pare non sia soddisfatto il Genoa.

Szczesny il meno battuto, male Donnarumma ed Olsen

In materia di gol subiti singolarmente, lo juventino Szczesny ha preso 7 reti in 12 apparizioni tra Serie A e Champions League. Per Handanovic il computo è invece di 10 gol subiti in 13 match (6 in Serie A e 4 in Champions). Particolare la situazione del Napoli, che vive un dualismo interno contraddistinto comunque da una certa serenità. Karnezis ha preso gol in sole 2 occasioni, ma giocando soltanto 5 gare di campionato. Invece per Ospina i punti al passivo sono di più: il saldo è negativo con 12 bersagli subiti in 6 incontri di Serie A (10 gol incassati) e 3 di Champions (2). Ma il sudamericano sostanzialmente è apparso sempre incolpevole. Male il milanista Gianluigi Donnarumma: per lui i palloni raccolti in porta sono 14 in 10 partite di Serie A. Anche Robin Olsen della Roma non può sorridere: 13 reti subire in 10 partite in Italia e 3 su altrettanti match in Europa non rappresentano un computo eccezionale.

La sorpresa è il sampdoriano Audero

Ha subito molto anche Thomas Strakosha: il laziale si trova a 13 reti incassate in 11 gare tra Serie A ed Europa League. Finora infine è alquanto positivo l’impatto con il calcio di casa nostra del giovane talento francese Alban Lafont. Il transalpino, considerato uno dei migliori giovanissimi calciatori attualmente in circolazione, ha difeso i pali viola in 8 circostanze. Il saldo parla di 6 palloni raccolti, che porta ad una media di meno di un gol subito a partita per un portiere di soli 19 anni. Il ragazzo è anche stato frenato da un infortunio per qualche settimana. Infine si sta comportando molto bene Emil Audero: dopo un’ottima stagione con il Venezia il giovane di proprietà della Juventus è stato prestato alla Sampdoria. In blucerchiato, Audero sta ottimamente figurando alla sua prima esperienza importante in Serie A, con 7 gol subiti in 11 partite giocate in totale. Numeri da dover tenere conto anche in ottica Fantascudetto.