Consigli fantacalcio: come cambia il Chievo con Di Carlo

16 novembre 2018

Il Chievo prova a ripartire con Domenico Di Carlo in panchina. La missione dell'ex centrocampista del Vicenza - già altre due volte sulla panchina dei gialloblu - appare complicatissima ma lui proverà ad ottenere la salvezza in questo modo

Il Chievo cerca di dimenticare la brutta parentesi targata Gian Piero Ventura e riparte ora con Domenico Di Carlo. L’ex centrocampista del Vicenza, già in passato sulla panchina gialloblu, proporrà un calcio diverso da quello del suo predecessore. Le critiche all’ex CT dell’Italia non sono mancate, soprattutto in virtù dell’atteggiamento e delle scarse motivazioni mostrate a Verona. La squadra deve risollevarsi in classifica: i soli 3 pareggi conseguiti in 12 giornate di campionato sono stati sufficienti soltanto a cancellare i 3 punti di penalizzazione inflitti per la vicenda sulle plusvalenze gonfiate. Il campionato dei “mussi volanti” nel frattempo ripartirà dalla difficile trasferta Napoli. Alla ripresa della Serie A, dopo la pausa per le nazionali, ci sarà quindi un impegno davvero ostico, ma il Chievo non ha più molto tempo per invertire la rotta. Quali sono le armi tattiche a disposizione di mister Di Carlo? E quali le novità anche in ottica fantacalcio che possono far gol ai fantallenatori? Rispondono gli esperti di Superscudetto.

Chievo, Di Carlo e le opzioni in difesa

Con Di Carlo si continuerà a vedere la difesa a 4 già messa in campo da D’Anna. In linea di massima dovrebbe essere adottato un 4-3-3, anche se il nuovo allenatore dei veronesi è uno capace di adattarsi alle caratteristiche dei suoi giocatori. Non è infatti totalmente escluso che Di Carlo si adatti alla difesa a 3 proposta da Ventura, per garantire maggiore efficacia in fase di copertura. Elemento chiave del nuovo corso potrebbe essere la duttilità di Federico Barba: l’ex Empoli può agire sia da centrale che da terzino sinistro. Come ulteriore alternativa c’è poi Jaroszynski, mancino dotato di una propulsione offensiva più accentuata. A destra Cacciatore e Tomovic si contendono una maglia all’insegna dell’esperienza. L’ex Fiorentina potrebbe essere impiegato però anche in altre posizioni. Nutrono ottime chance di essere spesso titolari anche gli altri due centrali Bani e Rossettini. Più attardati nelle gerarchie De Paoli (che di ruolo sarebbe più centrocampista ma può essere schierato anche sulla fascia destra arretrata) e gli altri, per una questione di esperienza o di affidabilità dal punto di vista fisico ed atletico. Non è in discussione invece il posto del sempre fido Sorrentino in porta.

Chievo: poche alternative in mediana, troppe in attacco

A centrocampo Di Carlo non dovrebbe rinunciare all’esperienza ed alla grinta del serbo Radovanovic al centro, con Hetemaj ed Obi da impiegare invece nel ruolo di mezzala per completare il reparto. Quando tornerà anche l’infortunato Nicola Rigoni, ci sarà una possibilità ulteriore per scegliere. Kiyine e Burruchaga sono gli altri uomini che vanno a completare la batteria in mediana, ed il nuovo allenatore non dovrebbe concedere loro inizialmente i galloni da titolari anche se, soprattutto il primo, era già stato chiamato in causa da Ventura. Le cose si fanno più interessanti in attacco, dove sono in tanti a contendersi un posto, tra attaccanti esterni e punte centrali. Birsa e Giaccherini garantiscono qualità tecnica e la loro titolarità dovrebbe essere fuori discussione. D’Anna prima e Ventura poi avevano concesso poco spazio agli elementi più tecnici, sia a causa di problemi fisici che di scelte tecniche, ma con Di Carlo tutto potrebbe cambiare. Stepinski e Djordjevic – quest’ultimo praticamente mai impiegato – sono gli arieti da mandare in campo nel probabile trio offensivo, senza dimenticare le opzioni Meggiorini, Pucciarelli e Pellissier. Non è escluso che uno dei tre possa adattarsi anche al ruolo di esterno: gli indiziati, in tal senso, sarebbero Meggiorini e Pucciarelli. Un dato resta però evidente: il Chievo ha troppe alternative in attacco e tanto potrebbe cambiare anche durante la sessione invernale del calciomercato. In vista dei primi impegni ufficiali del Chievo, ecco la formazione tipo che dovrebbe schierare Di Carlo.

Chievo (4-3-3): Sorrentino; Cacciatore, Tomovic, Rossettini, Barba; Obi, Rodavanovic, Hetemaj; Birsa, Stepinski, Giaccherini. All. Di Carlo